La mia idea di città

Cittadino, Territorio, Ambiente. Ho scelto di concentrare il mio impegno su questi tre temi, perché rappresentano il fronte di una battaglia di civiltà. Troppe volte, di fronte a guasti amministrativi, ingiustizie, ritardi e procedure viziate ho visto i miei concittadini delusi e rassegnati, come se migliorare non fosse possibile. È forte in me, invece, la convinzione che migliorare sia non solo possibile ma doveroso. Porto questo convincimento con me ogni giorno, nel mio lavoro, nel mio attivismo civico e nella mia famiglia, cui cerco di dare il massimo ogni giorno. Voglio farlo ora anche per la mia città.  

È tempo di dare voce ai cittadini, troppe volte vittime di ingiustizie amministrative. Le questioni legate al mondo del consumo e ai diritti dei consumatori assumono sempre più importanza nel nostro vivere quotidiano. Bisogna prendere atto che tra i cittadini vi è una notevole domanda di assistenza per le problematiche relative a difficoltà di pagamento delle utenze (energia elettrica, gas, telefonia), impegni derivanti da contratti bancari (finanziamenti, mutui), cartelle di pagamento emesse da agenti di riscossione.

Già alcune amministrazioni Comunali dei Castelli Romani (ad esempio Lanuvio, Nemi, Genzano di Roma) hanno attivato uno sportello per i cittadini/consumatori e ritengo che anche il Comune di Albano Laziale affrontare le questioni legate al mondo del consumo e ai diritti dei consumatori, in una visione complessiva di una società che difenda i consumatori da un mercato con regole molte volte disattese. 

La mia proposta è semplice e consiste nell’attivare presso il Comune di Albano Laziale uno sportello a tutela dei cittadini/consumatori ed utenti al quale gli stessi possano rivolgersi per trovare soluzione a diverse questioni, come ad esempio problemi con operatori telefonici e pay tv, consulenza su viaggi e turismo, risoluzione extragiudiziale di controversie, informazione su truffe e raggiri e tanto altro.  

Di grande importanza è la valorizzazione delle frazioni come luoghi dotati di propria identità, come entità territoriali ben definite garantite dagli investimenti delle opere pubbliche.

Una delle frazioni da valorizzare è certamente quella di Cancelliera, dove si conta un sempre più importante aumento demografico (soprattutto grazie a nuove nascite) testimoniato anche dall’inaugurazione della nuova scuola di Via Pantanelle. I cittadini avvertono un sostanziale squilibrio tra centro e periferia. Difatti intorno alle aree verdi centrali del Comune si registrano, in taluni orari e giorni della settimana, un eccessivo affollamento di utenti provenienti in gran parte da aree periferiche tra cui la stessa frazione di Cancelliera.

La mia proposta è quella di realizzare in tutte le frazioni Comunali un piano di sistemazione del verde pubblico, mentre nella frazione di Cancelliera occorre procedere urgentemente con la realizzazione di un parco giochi per bambini di cui è ancora priva. Tale opera pubblica va inquadrata nell’ottica più generale di decentralizzare servizi e funzioni anche in altre frazioni del territorio comunale, così da permettere anche un’utile integrazione tra le diverse fasce di utenti: dai nostri più piccoli cittadini, sino ai più anziani e alle famiglie nel loro complesso. 

La tutela ambientale è un obiettivo, civico ed etico, al quale sia le amministrazioni che i cittadini devono tendere.  Oggi più che mai, considerati  gli allarmanti cambiamenti climatici.

Nell’ottica di preservare e migliorare il nostro territorio, ritengo che il comune di Albano Laziale debba attivare un piano di monitoraggio degli impianti fognari del comune che consenta di facilitare ai privati gli allacci alle fognature già esistenti ed al contempo completare alcuni tratti fognari in modo tale da eliminare le fosse biologiche ancora presenti in alcune proprietà.

L’eliminazione dei pozzi neri è un obiettivo fondamentale per lo sviluppo del nostro territorio e per la riduzione dell’inquinamento dei corsi d’acqua. Purtroppo, sono ancora tante le utenze sprovviste di servizio di fognatura soprattutto in alcune frazioni comunali.

Ad oggi esiste certamente un piano di ricognizione comunale della rete fognaria ma la mia proposta consiste in un programma di sviluppo che preveda sia l’estensione della rete fognaria in zone non ancora servite quanto l’incentivazione dei proprietari delle abitazioni ad eseguire anche nelle loro proprietà tutti gli allacciamenti privati alle reti di fognatura pubblica.

Il mio programma è aperto al contributo di chiunque abbia a cuore il benessere della nostra comunità cittadina. Spero quindi che non solo sia apprezzata la mia idea di città, ma che ad essa si associno tanti cittadini portando il loro granello di impegno, la loro intuizione e la loro critica. Pubblicherò nel mio blog, su questo sito, le vostre proposte e nessuno resterà senza risposta. Inizia qui un lungo cammino che desidero percorrere in compagnia delle migliori intenzioni.  

PROGRAMMA APERTO